Antiriciclaggio, monitoraggio fiscale e voluntary disclosure.pdf

Antiriciclaggio, monitoraggio fiscale e voluntary disclosure

Dario Sopranzetti

A seguito della liberalizzazione dei cambi, avvenuta alla fine degli anni 80, il Legislatore, nel timore che ingenti capitali venissero trasferiti illecitamente allestero, ha posto in essere un complesso sistema di controllo, noto come monitoraggio fiscale, spesso eluso negli ultimi trentanni, tanto che ad oggi si stima che oltreconfine siano allocati più di 200 miliardi di euro, di cui l80% circa in territorio svizzero. Le circostanze sopra descritte, però, stanno subendo, negli ultimi anni, un deciso mutamento. In primo luogo, lo scenario internazionale è oramai definitivamente proiettato verso lo scambio automatico delle informazioni fiscali e labbattimento del segreto bancario. Gli stessi intermediari finanziari esteri, inoltre, nel tentativo di uscire dalle black list, sono sempre meno disposti a contribuire alla difesa degli interessi dei propri clienti. In tale rinnovato quadro, il Legislatore (Legge 15 dicembre 2014, n. 186) ha preparato il terreno per concedere a coloro che hanno accumulato disponibilità economiche occulte allestero quello che da più parti è stato definito lultimo treno per la regolarizzazione, ovvero la recente disciplina della voluntary disclosure - estesa durante i lavori parlamentari anche a tutte le forme di infedeltà domestica - basata su un concetto profondamente diverso rispetto ai precedenti condoni o scudi fiscali: emersione totale e dettagliata, niente anonimato, pagamento di tutte le imposte sottratte a tassazione, sconto sulle sanzioni (anche penali). Il presente lavoro, quindi, analizza in maniera organica la complessa disciplina del monitoraggio fiscale, profondamente rivisitata dalla recente legge europea del 2013, illustra le nuove piattaforme dello scambio di informazioni in ambito internazionale, soffermandosi anche sui nuovi accordi FACTA di matrice statunitense e dettaglia la disciplina sul rientro dei capitali dallestero (c.d. voluntary disclosure), estesa anche alle attività in nero detenute in Italia, arricchita dall¿analisi del reato di autoriciclaggio, che fa il suo ingresso per la prima volta nellordinamento italiano. Il dubbio, però, rimane: sarà davvero lultima chance per gli evasori?

voluntary disclosure) in materia fiscale. Tali disposizioni hanno consentito ai soggetti che detengono attività e beni all'estero, omettendo di dichiararli, di sanare la ... Tra le questioni attualmente più dibattute in dottrina e in giurisprudenza si segnala la problematica relativa alle richieste di rimborso della c.d. “euroritenuta”  ...

8.34 MB Dimensione del file
8814202591 ISBN
Antiriciclaggio, monitoraggio fiscale e voluntary disclosure.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.lookbeyondthelabel.org o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

9 nov 2015 ... La voluntary disclosure si inserisce, pertanto, in un contesto internazionale ... dalla normativa antiriciclaggio. ✓! Titolare effettivo ... monitoraggio fiscale con riferimento alle attività finanziarie e patrimoniali dalla stessa detenute ... voluntary disclosure) in materia fiscale. Tali disposizioni hanno consentito ai soggetti che detengono attività e beni all'estero, omettendo di dichiararli, di sanare la ...

avatar
Mattio Mazio

9 nov 2015 ... La voluntary disclosure si inserisce, pertanto, in un contesto internazionale ... dalla normativa antiriciclaggio. ✓! Titolare effettivo ... monitoraggio fiscale con riferimento alle attività finanziarie e patrimoniali dalla stessa detenute ... voluntary disclosure) in materia fiscale. Tali disposizioni hanno consentito ai soggetti che detengono attività e beni all'estero, omettendo di dichiararli, di sanare la ...

avatar
Noels Schulzzi

voluntary disclosure trova ora una nuova disciplina nella legge n. 186 del 15 dicembre 2014, Obblighi Adeguata Verifica Antiriciclaggio –Scudo Fiscale • nei casi previsti dall’art. 28 del D.Lgs. 231/2007 • adottare procedure informatiche di monitoraggio volte a rilevare transazioni di

avatar
Jason Statham

Da "Il Quotidiano Ipsoa" - 18 Dicembre 2014 Obiettivo della voluntary disclosure è far rientrare in Italia tutte le somme trasferite all’estero e lì detenute in violazione delle norme sul monitoraggio fiscale.Tale monitoraggio avviene tramite la compilazione del quadro RW della dichiarazione dei redditi da parte delle persone fisiche, dagli enti non commerciali e dalle società semplici ed Autoriciclaggio nel codice penale, professionisti e voluntary disclosure Il concetto di autoriciclaggio non è estraneo all'ordinamento italiano, essendo stato introdotto con il D. Lgs. del 21

avatar
Jessica Kolhmann

Voluntary Disclosure La voluntary disclosure: novità nella Legge di bilancio 2018. Il decreto fiscale collegato alla Stabilità 2018 ha previsto la nuova voluntary.. Si tratta di una nuova forma La Legge 186 prevede la possibilità di regolarizzare anche le somme detenute in Italia (così detta “voluntary disclosure interna”): la ratio di fondo è quella dell’equità, che si basa sul riconoscimento a tutti i contribuenti della possibilità di sanare la propria posizione fiscale, indipendentemente dal luogo in cui sono illecitamente detenute le consistenze.