La bella gioventù. Memorie di un alpino della «Monterosa».pdf

La bella gioventù. Memorie di un alpino della «Monterosa»

Franco Panizon

8 settembre 1943. Franco Panizon è un ragazzo come tanti che la Storia mette davanti a una scelta. Lui deciderà di arruolarsi tra gli alpini della Monterosa, la divisione costituita nel 1944: ventimila uomini schierati con la RSI. Così un giovane triestino, nella cui mente si trovano a confliggere, confusamente, i ricordi familiari dolorosi della Prima guerra mondiale, limpronta della formazione fascista, gli ideali di Patria e fedeltà, lincapacità a staccarsene malgrado la vergogna repressa per le leggi razziali, per lentrata in guerra, per la sua ribalda conduzione fino alla resa, e il bisogno, comunque, di un impegno personale, finisce per diventare un ragazzo di Salò. Sessantanni dopo ripercorre quel periodo: laddestramento in Germania, la fratellanza coi compagni, il servizio sulle montagne della Liguria, i morti, i dubbi e perfino un senso di libertà, quasi di vacanza. E poi la resa, lincontro con unItalia buona e il ritorno a casa. Una testimonianza intima, senza retorica, che mette in luce le emozioni e limpulsività giovanile che hanno portato molti dalla parte sbagliata.

Troppa gioventù a quell’oratorio, e pochi i Balilla e gli Avanguardisti. 26 maggio 1932: i fascisti mettono i sigilli alla sede del Circolo. Però, saltando il muretto, si entra di soppiatto e “non si urla” o, meglio, si va in collina, alla Maddalena, a S. Vito, alla Fontana dei Francesi a far cuocere la pastasciutta e a urlare a piacimento: “W Don Bosco, W l’Italia”.

3.19 MB Dimensione del file
8842542431 ISBN
La bella gioventù. Memorie di un alpino della «Monterosa».pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.lookbeyondthelabel.org o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

9 feb 2019 ... Romanzi, diari, memorie per rivivere ... Il segreto del mastice alpino, del loro accordarsi gomito a gomito, del loro ieri e ... La storia di questo battaglione, che ha come simbolo la più bella e possente ... La bella gioventù ... Lui sceglierà di arruolarsi tra gli alpini della Monterosa, la Divisione istituita nel 1944.

avatar
Mattio Mazio

16 nov 2003 ... ... dalla vedova di un combattente: “In memoria di ... onore del- la Divisione Alpina Monterosa. I momenti ... cora meglio saranno questi ulti- mi, così ... ne agli alpini della Monterosa. Alla presenza ... La sua gioventù ebbe come ... 9 ott 2017 ... Nell'autunno del 2016 ebbi un colloquio-intervista con un alpino ... fatto parte della divisione alpina Monterosa della Repubblica Sociale ... L'intolleranza verso gli uomini e i pregiudizi verso la memoria genera soltanto mostri.

avatar
Noels Schulzzi

Grazie alla collaborazione della Sede Nazionale dell’Associazione Divisione Alpina “Monterosa”, la ricerca si arricchisce di preziosi rari documenti come questo pieghevole con la preghiera dell’Alpino in uso presso i reparti della “Monterosa” nel periodo 1944-1945. 07/10/2006 · La gioventù tedesca mostrava già allora un grande disprezzo per la tutti gruppi illegali fuori della HJ che non volevano rinunciare ai suoi ideali ma anche cercava di scartare le memorie troppo chiare di questo movimento Insegna popolare del turismo alpino, il distintivo di questo bel fiore, si vendeva in tutti i posti

avatar
Jason Statham

20 gen 2012 ... sato in gioventù al servizio della Patria. ... del qualificato drappello di Alpini Italiani in visita sul Golico ... escogitare cose nuove, dare il meglio di se e attendere con ... memoria storica di questa unità alpina, che vedrà ritrovarsi e ... arruolarsi nella divisione alpina Monte Rosa della Repubblica Sociale.

avatar
Jessica Kolhmann

Qualche volta si spazientiva o, forse, i ricordi erano talmente atroci che si bloccava nel lavoro e mi diceva: «Basta Piero, ti dirò qualcosa anche domani». A pagina 28 de L’Alpino di marzo, ho visto la bella foto di un eroe. I miei ricordi sono andati a quando frequentavo la terza o quarta classe elementare. GOTTA, Salvatore. - Nacque il 18 maggio 1887 a Montalto Dora, presso Torino, da Vincenzo, magistrato, e da Luigia Pavese. La famiglia apparteneva alla buona borghesia locale e quella della madre, in particolare, vantava "tradizioni d'intelletto". A motivo della carriera del padre il GOTTA, Salvatore si trasferì ben presto a Ivrea, sede del tribunale.