Accesso alla giustizia e attuazione dei diritti. La mediazione delle controversie di consumo nella direttiva europea 2013-11.pdf

Accesso alla giustizia e attuazione dei diritti. La mediazione delle controversie di consumo nella direttiva europea 2013-11

Nicola Scannicchio

- Quadro generale della disciplina- Competenza, procedimenti ed esiti delle principali entità CADR in Italia- Le regole della direttiva. Standards di qualità delle entità e delle procedure- L’attuazione della direttiva 2013/11 in Italia- I rapporti di consumo tra ADR e “negoziazione assistita”- Accesso alla giustizia e attuazione dei diritti

la SIP nel 1991; in un contesto normativo e culturale estremamente immaturo, ... applicabili alle procedure di risoluzione delle controversie di consumo. ... della delega per l'attuazione della Direttiva 2013/11/UE del Parlamento europeo e del ... conseguente frustrazione del diritto di accesso dei consumatori alla giustizia. In. mediazione e processo, Unione Europea, accesso alla giustizia, ... Sommario: I. Riflessioni sulla disciplina della mediazione nell'ordinamento ... Con l' approvazione del D.Lgs. 28/20103, il Governo ha dato attuazione alla ... decreti legislativi in materia di conciliazione e mediazione “per le controversie su diritti disponibili, ...

9.69 MB Dimensione del file
8834849744 ISBN
Accesso alla giustizia e attuazione dei diritti. La mediazione delle controversie di consumo nella direttiva europea 2013-11.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.lookbeyondthelabel.org o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

1 CONTROVERSIE DI CONSUMO E ADR. L’ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2013/11/UE IN ITALIA ALLA LUCE DELLA SENTENZA C-75/16 CLAUDIA TROISI SOMMARIO: 1.La direttiva 2013/11/UE sulla risoluzione alternativa delle controversie dei consumatori - 2. Il d.lgs. 130/2015 attuativo della direttiva …

avatar
Mattio Mazio

Accesso alla giustizia e attuazione dei diritti. La mediazione delle controversie di consumo nella direttiva europea 2013-11 di Nicola Scannicchio - GIAPPICHELLI: prenotalo online su GoodBook.it e ritiralo dal tuo punto vendita di fiducia senza spese di spedizione.

avatar
Noels Schulzzi

Accesso alla giustizia e attuazione dei diritti La mediazione delle controversie di consumo nella direttiva europea 2013-11 pp. 216 € 20,00 isbn 9788834849743 Il 19 luglio 2015 scade il termine per l’attuazione della direttiva 2013/11, “sulla risoluzione alternativa delle controversie dei consumatori” (cosìddetta direttiva CADR).

avatar
Jason Statham

La disciplina italiana in tema di mediazione obbligatoria nelle controversie con i consumatori al vaglio della Corte di Giustizia dell'Unione Europea. attuativo della direttiva 2013/11). Le condizioni di compatibilità con il diritto dell’Unione Europea della mediazione obbligatoria nelle controversie interne dei consumatori di Marika Ragni Il focus è centrato sulle condizioni necessarie a rendere compatibile la normativa nazionale in materia di a.d.r. nelle controversie con i consumatori con la direttiva 2013/11/EU. Le

avatar
Jessica Kolhmann

Articolo 2 (Controversie oggetto di mediazione) L’articolo 2, comma 1 chiarisce – in linea con la delega (articolo 60, comma 3, lettera a), della legge n. 69 del 2009) e con la normativa comunitaria (articolo 1, comma 2 della direttiva dell’Unione europea n. 52/2008) – che la mediazione ha per oggetto diritti di cui le parti possano ADR e accesso alla giustizia: una importante sentenza della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo Il 26 marzo 2015 la Corte dei Diritti dell’Uomo ha emesso all’unanimità una fondamentale sentenza [1] che è passata in giudicato il 26 giugno 2015 [2] e dunque è ora suscettibile di essere trasmessa al Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa per essere eseguita [3] .