Falsi amici nelle corti. Leggere le sentenze di Common Law evitando le trappole linguistiche. Con espansione online.pdf

Falsi amici nelle corti. Leggere le sentenze di Common Law evitando le trappole linguistiche. Con espansione online

Silvia Ferreri

Questo testo vuole servire come strumento a chi si avvicina a scritti giuridici in lingua inglese: per aiutare i lettori a riconoscere lo stile particolare del discorso giuridico, per evitare alcune delle difficoltà anche legate al fatto che parole di derivazione latina entrano nel testo, ma con un significato particolare, divergente rispetto a quello che si attribuisce generalmente a espressioni assonanti nel diritto dei paesi di Civil Law. Si parla di falsi amici o false cognates appunto per indicare lapparenza ingannevole che certi termini assumono sotto le spoglie di suoni analoghi. Il lavoro, rivolto in primo luogo agli studenti di Giurisprudenza, sonda alcuni aspetti delle decisioni giudiziarie, sia inglesi che statunitensi, per evidenziarne il linguaggio e lo stile. La scelta dei materiali è arbitraria, legata allesperienza di insegnamento, contravvenendo al principio per cui non si dovrebbe estrarre un brano da una sentenza: la giustificazione consiste nel desiderio di attrarre lattenzione dei lettori su certe particolarità linguistiche, su alcune insidie che potrebbero ostacolare la comprensione, se sottovalutate. Il dizionario dei primi sospetti, della parole facilmente fraintendibili, cede ad una immaginazione eccessiva dellingenuità di un possibile lettore: anche per sorridere insieme con gli eventuali fruitori di questo elenco.

Acquista il libro Falsi amici nelle corti. Leggere le sentenze di Common Law evitando le trappole linguistiche. Con espansione online di Silvia Ferreri in offerta; lo trovi online …

7.49 MB Dimensione del file
889211929X ISBN
Falsi amici nelle corti. Leggere le sentenze di Common Law evitando le trappole linguistiche. Con espansione online.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.lookbeyondthelabel.org o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

Con la sentenza 14689/2015 le Sezioni unite della Cassazione escludono la responsabilità erariale per le organizzazioni sindacali che hanno firmato negli enti pubblici contratti integrativi illegittimi. Un tema, quello della responsabilità prodotta dai decentrati fuori norma, tornato di stretta attualità dopo che la Corte dei conti (sentenza 98/2015 della sezione giurisdizionale del Veneto

avatar
Mattio Mazio

Common Law, Tutti i libri con argomento Common Law su Unilibro.it - Libreria Universitaria Online Cerca nel più grande indice di testi integrali mai esistito. Biblioteca personale

avatar
Noels Schulzzi

Il Giudice per l’udienza preliminare emetteva sentenza di non doversi procedere, perché gli indagati, pur avendo esposto circostanze non veritiere, le avevano prospettate solo nella richiesta di ammonimento ex art. 8 del D.L. 23 febbraio 2009 n. 11, inoltrata alla Polizia di Modica e non in uno degli atti tipici indicati dalla disposizione incriminatrice del reato di calunnia. Giovedì 23 Gennaio 2014 10:57 IGNORANTIA LEGIS NON EXCUSAT: E’ uno dei principi fondamentali del nostro ordinamento, in base al quale nessun cittadino può invocare, con particolare riferimento al diritto penale, la non conoscenza di una legge o di una prescrizione, per eluderne l’applicazione. Il rigore di tale principio è stato temperato dalla storica sentenza della Corte

avatar
Jason Statham

Prof.ssa Silvia Ferreri, Lei è autrice del libro Falsi amici nelle corti. Leggere le sentenze di Common Law evitando le trappole linguistiche edito da Giappichelli:  ...

avatar
Jessica Kolhmann

La scelta della Corte Suprema di enunciare con chiarezza nel writ of certiorari il petitum, limitando l’oggetto della futura sentenza alla questione del rispetto, da parte degli Stati, del principio di eguaglianza e del due process of law, comporta l’esclusione di altri profili di legittimità costituzionale sollevati dalle parti (quali, ad esempio, la violazione del diritto di Nell’era del computer le sentenze si scrivono ancora a mano e per giunta male di Mirco Minardi - 6 luglio 2008 Non avrei mai pensato di dover leggere una sentenza del genere, eppure è accaduto.