L Italia di fronte alla prima guerra mondiale.pdf

L Italia di fronte alla prima guerra mondiale

Brunello Vigezzi

In occasione del centenario della Grande Guerra, torna in libreria un classico della storiografia dellItalia repubblicana. Un racconto avvincente sulla crisi del nostro paese di fronte al primo conflitto mondiale, che ha segnato in profondità il modo di guardare a quel drammatico snodo della vita nazionale. Perché lItalia è entrata in guerra? Cosa ha significato quella scelta per il paese? Linterrogativo continua a inquietarci e a far parte della nostra storia più profonda e viva. La riproposta del volume nasce nellambito delle attività promosse dal Dipartimento di Studi Storici dellUniversità degli Studi di Milano.

6 mar 2014 ... Nel decennio 1911-1921 l'analfabetismo in Italia era intorno al 40%, quando in Germania, Austria e Paesi europei del Nord era all'1%. La ...

8.14 MB Dimensione del file
8867741608 ISBN
Gratis PREZZO
L Italia di fronte alla prima guerra mondiale.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.lookbeyondthelabel.org o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

Legatura editoriale ben tenuta, marginali le mende; dissolvenza omogenea, tracce d'uso, strappetto con mancanza alla faccia anteriore, velature di pol.

avatar
Mattio Mazio

FRONTE ITALIANO - L'Italia, che con la sua neutralità aveva dato alla Francia la assoluta libertà di movimento e la sicurezza di vincere la sua prima battaglia della Marna, il 24 MAGGIO entrò a fianco degli alleati, avanzando oltre la frontiera politica, nel momento più critico per le sorti russe, proprio quando le truppe austro-germaniche riacquistavano tutta la loro potenzialità e La Prima guerra mondiale investì il Trentino e ne cambiò la storia. Nell’agosto 1914 gli uomini furono arruolati e inviati sul fronte russo, dove subirono perdite sanguinose. Dal maggio 1915 un’ampia fascia del territorio trentino fu devastato dai bombardamenti. Un terzo della popolazione fu evacuata e trasferita in Austria, Boemia

avatar
Noels Schulzzi

Lungo il fronte trentino della Grande Guerra, ai piedi di montagne disseminate di ... e trincee, sorgono numerosi musei dedicati alla Prima guerra mondiale. ... il cui coordinamento è affidato al Museo Storico Italiano della Guerra di Rovereto, ... la prima guerra mondiale la guera granda nel Veneto, Friuli e Trentino, storia della grande ... Gli austro-ungarici, tra il 1914 e il 1915 erano impegnati nel fronte Russo. ... L'Italia entrò in guerra con baldanza e incoscenza, convinta di una facile vittoria in ... 28 luglio 1914, L'Austria dichiara formalmente guerra alla Serbia.

avatar
Jason Statham

La prima guerra mondiale ha segnato uno spartiacque importante nella la storia ... di fronte al tema del rapporto tra scienza e guerra: la battaglia di Ypres del 22 aprile ... L'Italia non rimase estranea a questa tendenza, avviando anch'essa un ... Legatura editoriale ben tenuta, marginali le mende; dissolvenza omogenea, tracce d'uso, strappetto con mancanza alla faccia anteriore, velature di pol.

avatar
Jessica Kolhmann

09/07/2015 · La Camera dei deputati commemora il centenario dell'ingresso dell'Italia nella Prima Guerra mondiale con la mostra “L’Italia nella Prima Guerra Mondiale,” visitabile fino al 10 ottobre Quando si parla di fronte, retrovie, trincee e baraccamenti molto spesso si pensa che tutto ciò abbia riguardato esclusivamente i militari. Invece la presenza dei civili nelle zone di guerra fu molto ampia. Sia prima che dopo la disfatta di Caporetto molti paesi friulani e veneti non vennero evacuati e gli abitanti rimasero nelle proprie case, a stretto contatto con i soldati.