Così bella cosi dolce. Dalle pagine di Dostoevskij al film di Bresson.pdf

Così bella cosi dolce. Dalle pagine di Dostoevskij al film di Bresson

F. Bono, L. Cimmino, G. Pangaro (a cura di)

Un confronto serrato tra due capolavori minori: la novella La mite di Dostoevskij e il film che Bresson ne ha tratto: Une femme douce. Il volume prende in esame le opere di due maestri che con strumenti diversi ed in contesti molto lontani hanno indagato, con la stessa acribia e severità, fin nelle pieghe più nascoste dellanimo umano. I saggi raccolti, come dabitudine per la serie corpo a corpo, di cui questo è il terzo volume, provengono da discipline differenti, dalla slavistica alla teologia, dalla storia e critica cinematografica alla filosofia, ma tutti scritti in uno stile scorrevole, libero da vincoli accademici e disciplinari.

Recensione su Così bella, così dolce (1968) di spopola | Leggi la recensione di spopola su Così bella, così dolce film diretto da Robert Bresson con ... Era a mio avviso inevitabile che Bresson dovesse incontrarsi prima o poi con Dostoevskij, ... motivi musicali o alla soluzione di pagine enigmistiche; la donna al contrario è  ...

1.25 MB Dimensione del file
8849833431 ISBN
Così bella cosi dolce. Dalle pagine di Dostoevskij al film di Bresson.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.lookbeyondthelabel.org o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

Bresson Robert, Tutti i libri con argomento Bresson Robert su Unilibro.it - Libreria Universitaria Online G. Imposti, La mite di Dostoevskij un titolo “inaffidabile”?, in: Così bella così dolce. Dalle pagine di Dostoevskij al film di Bresson, SOVERIA MANNELLI, Rubbettino, 2012, pp. 83 - 108 (CINEMA. PASSAGGI DI CONFINE) [Chapter or essay]

avatar
Mattio Mazio

Bresson e il nichilismo de La mite, F. Bono/L. Cimmino/G. Pangaro (a cura di), Così bella così dolce. Dalle pagine di Dostoevskij al film di Bresson, Rubbettino, Soveria Mannelli 2012, pp. 25-38. 20) Il mondo dipinto. Considerazioni sulle tesi di Emanuele Severino, «Acta Philosophica», II, 21, 2012, pp. 239-258.

avatar
Noels Schulzzi

60. “La mite”di Dostoevskij un titolo ‘inaffidabile’?, in Bono Francesco, Cimmino Luigi, Pangaro Giorgio, a cura di, Così bella così dolce. Dalle pagine di Dostoevskij al film di Bresson, Soveria Mannelli, Rubbettino, 2012, pp. 83-108 (tot.221). (ISBN 9788849833430) 61.

avatar
Jason Statham

Frasi sugli sguardi “È questione di sguardi” cantava Paola Turci, una delle frasi sullo sguardo più famose che ci vengono subito in mente quando si parla di uno sguardo profondo. Molto infatti è stato scritto e cantato sull’importanza degli sguardi, un tema così universale che precede addirittura l’invenzione della parola.A volte basta uno sguardo per dire tutto quello che le

avatar
Jessica Kolhmann

ciclo di conferenze. “LA BIBLIOTECA INCONTRA: VIVERE CON I LIBRI, VIVERE CON LA PAROLA”. Dal 6 marzo al 29 maggio (2020) quindici grandi ospiti ...