La necropoli di Crocifisso del Tufo a Orvieto. Contesti tombali.pdf

La necropoli di Crocifisso del Tufo a Orvieto. Contesti tombali

Paolo Bruschetti

La necropoli di Crocifisso del Tufo ad Orvieto, una delle testimonianze più importanti della civiltà etrusca, costituisce oggi un parco archeologico ed è formata da una serie di piccole tombe a camera a pianta rettangolare, allineate lungo le vie sepolcrali, secondo una plaminetria regolare impostata su assi ortogonali. Le ricerche, in anni recenti, hanno portato alla luce nuove tombe ed elaborato nuovi dati circa la forma delle deposizioni, i riti funerari e la cronologia relativa. Questo volume illustra i reperti appartenenti ai corredi funebri che è stato possibile associare alle singole tombe della necropoli, attraverso una lunga e attenta ricerca nei magazzini, nei musei, negli archivi e nei vecchi inventari

31/05/2014 · La necropoli di Crocifisso del Tufo ad Orvieto. Contesti tombali. Pisa; Rome: Fabrizio Serra. Google Scholar. Camporeale, G. 2005. “Dall’Agro falisco e capenate all’agro volsiniese e all’alta valle del Fiora.” In Orvieto, l’Etruria meridionale interna e l’Agro falisco. Necropoli del Crocifisso del Tufo, Orvieto. I templi etruschi erano eretti sia in contesti urbani (in particolare sulle acropoli), sia in luoghi di culto extraurbani Altre tipologie tombali venivano ricavate all'interno di cavità naturali preesistenti (grotte, caverne, ecc.).

7.41 MB Dimensione del file
8862273991 ISBN
La necropoli di Crocifisso del Tufo a Orvieto. Contesti tombali.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.lookbeyondthelabel.org o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

La « Collezione Sansone » è composta per la maggior parte da reperti archeologici provenienti dalla necropoli dell’insediamento daunio di Monte Saraceno presso Mattinata (Fg). Ma è anche vero che essa custodisce numerosi oggetti rinvenuti nelle necropoli dei più importanti siti dauni dell’area garganica (Monte Sant’Angelo, Monte Tabor, Salapia, Siponto, Cupola) e della Daunia

avatar
Mattio Mazio

ETRUSCA, Arte (v. vol. III p. 466). - La voce Etrusca arte è stata scritta da R. Bianchi Bandinelli nel 1960, quando, sull'onda della grande mostra del 1955-1956, erano da poco iniziati scavi destinati a segnare una svolta nella conoscenza del mondo etrusco, anche sotto il profilo artistico: basti pensare alle nuove tombe dipinte di Tarquinia, ai templi di Pyrgi, alle terrecotte di Acquarossa

avatar
Noels Schulzzi

Responsibility: Fernando Gilotta, Colonna Passaro ; con contributi di Leopoldo Aveta ... [et al.]. ... La necropoli di Crocifisso del Tufo a Orvieto : contesti tombali.

avatar
Jason Statham

La necropoli di Crocifisso del Tufo a Orvieto : contesti tombali. Le terrecotte architettoniche di Selinunte : tetti del VI e V secolo a.C. : Museo civico di Castelvetrano e Parco archeologico di Selinunte. La cappella Contarelli in San Luigi dei Francesi : arte e committenza nella Roma di Caravaggio. Per arte etrusca si intende la produzione artistica degli Etruschi, popolo inizialmente stanziato nel territorio chiamato Etruria, triangolo compreso tra l'Arno a Nord, il Tevere a Sud e il Mar Tirreno a Ovest. Essa si distingue tra l'VIII secolo a.C. e la metà del I secolo a.C. circa (l'epoca di Silla e Ottaviano) rispetto a quella delle civiltà italiche di epoca preromana.

avatar
Jessica Kolhmann

Nella prima sede venivano sintetizzate le informazioni sull’assetto urbanistico – anche per l’inevitabile confronto con l’organizzazione spaziale del sepolcreto orvietano di Crocifisso del Tufo – mentre a Londra si illustrava il contributo di Fonteblanda alla rete mercantile tirrenica del ferro, grazie alla ‘bottega di fabbro’ individuata nei saggi del 1997.